• Home
  • News
  • Anche il t-rex aveva i pidocchi?

Anche il t-rex aveva i pidocchi?

Se i pidocchi ci hanno fatto compagnia durante numerose ere geologiche possiamo almeno consolarci con il fatto che anche i dinosauri hanno sofferto delnostro stesso problema ben prima di noi. E se non erano sicuramente delle dimensioni di un’aragosta come quelli incontrati dallo sfortunato protagonista di un racconto di fantascienza di Brian Aldiss, di certo rappresentavano un irritante problema almeno per quei dinosauri del gruppo dei terapodi tra i quali il velociraptor o il famoso tirannosauro.

Secondo alcuni ricercatori, proprio questi dinosauri potrebbero essere stati i primi ad ospitare queste fastidiose creature sul proprio corpo fin dai tempi del cretaceo. Lo studio di un fossile di pidocchio vecchio di oltre 44 milioni di anni ha permesso, infatti, di scoprire quanto questo animale sia incredibilmente simile a quelli che ancora oggi vivono come parassiti sul corpo di molti uccelli e che proprio da questi dinosauri potrebbero averli ereditati. Questo perché con l’estinzione dei dinosauri, il pidocchio è stato costretto ad affinare le proprie “tecniche di sopravvivenza” per adattarsi a nuove tipologie di prede come uccelli e mammiferi.

Alcuni hanno, perciò, sviluppato ali allungate per aggrapparsi saldamente alle piume, altri uncini che afferrano i peli dell’antenato comune di uomini e scimpanzè senza correre il rischio di essere sbalzati via. Questa specializzazione, però, ha impedito ai pidocchi di passare continuamente da un animale all’altro, facendo nascere specie ben distinte in grado di mutare dal punto di vista genetico per seguire l’evoluzione di chi nel corso di milioni di anni li ha dovuti subire (umani inclusi).