• Home
  • News
  • Allarme superpidocchi: come affrontare l’emergenza?

Allarme superpidocchi: come affrontare l’emergenza?

Studiato e individuato già negli anni passati dalla Società Italiana di Infettivologia Pediatrica (SITIP), il superpidocchio torna a far parlare di se negli Stati Uniti e in Canada, dove la presenza di un nuovo ceppo iper-resistente è stata accertata in oltre trenta scuole del Nord America. La ricerca basata sullo studio del DNA dei pidocchi ha consentito di individuare una vera e propria mutazione che rende le lendini, ovvero le uova dei minuscoli insetti, più forti e resistenti ai tradizionali trattamenti anti-pediculosi.

Sulla base dei risultati pubblicati dal Journal of Medical Entomology, importante rivista edita dalla Entomological Society of America, si può ipotizzare che alcune famiglie di pidocchi siano diventate immuni alle sostanze chimiche che sono alla base dei principali rimedi farmaceutici. La causa di questa fastidiosa e pericolosa evoluzione dei superpidocchi non sarebbe però legata alle componenti del trattamento, ma all’utilizzo poco corretto del trattamento stesso. In altre parole, l’uso improprio di shampoo, balsami e lozioni da parte di genitori ansiosi di dare sollievo ai propri bambini infetti starebbe progressivamente rafforzando i pidocchi.

Cosa fare quindi per difendersi dai nuovi vecchi parassiti? Innanzitutto puntare sulla prevenzione, mai lasciarsi prendere dal panico e, in caso di infestazione, rivolgersi immediatamente al proprio pediatra per un supporto medico che non lasci spazio all’improvvisazione e ai rimedi fai-da-te. Fondamentale è poi seguire tutte le istruzioni del caso, rispettando tempi e dosaggi indicati per ogni singolo trattamento. Curioso a dirsi, ma l’unico modo per combattere i pidocchi super è usare con criterio e moderazione le armi che si hanno a disposizione.